Le novità dell'Amministrazione Trasparente sul web

di La Redazione
Cronaca
21 dicembre 2016

Le novità dell'Amministrazione Trasparente sul web

Presentate ieri durante la 'Giornata della Trasparenza' in Biblioteca

Trovare il curriculum di un amministratore o le consulenze fornite da un professionista alla macchina amministrativa da oggi sarà più semplice con il restyling della sezione “Amministrazione Trasparente” del sito del Comune di Bitonto. Le nuove funzionalità del website sono state spiegate ieri dalla dottoressa Gabriella Scattone, responsabile del Servizio Informatico a Palazzo Gentile, nell’ambito della “Giornata della Trasparenza”, l’annuale incontro informativo sul tema della trasparenza, tenutosi ieri in Biblioteca Comunale

La pagina del sito, che sostituisce già da qualche tempo la sezione creata negli anni scorsi, dedicata all’”Amministrazione Trasparente”, come prevede Il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n.33, raccoglie tutti i dati, le informazioni ed i documenti che riguardano i diversi aspetti dell'attività amministrativa e istituzionale. 

Navigando sul sito è possibile trovare informazioni su consulenti e collaboratori (per la prima volta sarà possibile effettuare una ricerca per nome o oggetto, con un’apposita barra), personale, bandi di concorso (con tutte le informazioni relative al prima e dopo l’espletamento delle gare), performance, enti controllati, bandi di gara e contratti, sovvenzioni, contributi e sussidi, vantaggi economici. Assieme ai beni immobili e alla gestione patrimonio, nonché sui controlli e rilievi sull'amministrazione.

 

La sezione del sito del Comune di Bitonto dedicata alla trasparenza

 

Gran parte di quanto prodotto dalla macchina ammnistrativa, dunque, sarà online. D’altronde è la normativa nazionale a definire la trasparenza come accessibilità totale delle informazioni concernenti l'organizzazione e l'attività delle pubbliche amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche.

“A parte qualche regolamento più datato - ha spiegato il sindaco Michele Abbaticchio, intervenuto all’incontro assieme ai funzionari Salvatore Bonasia, Maria Tiziana Simone, Andrea Foti e Grazia Capaldi - sul web si può trovare tutto. E queste novità saranno importanti per i cittadini, che non sono interessati alla cultura del sospetto, bensì ai bandi e ai provvedimenti che riguardano più da vicino lavoro e vita quotidiana”. 

Ci sono, però, grossi margini di miglioramento. “Sappiamo che come Pubblica Amministrazione dobbiamo intervenire affinché vengano snelliti tempi e linguaggi della burocrazia. Affinché tutto sia davvero accessibile” ha concluso il Sindaco. 

E in questo senso il lavoro sulla trasparenza, intesa come la percezione degli enti locali e nazionali che hanno determinati gruppi di interesse hanno, può dare frutti maggiori. Secondo il rapporto Corruption Perceptions Index 2015 di Transparency International, l’organizzazione non governativa che ogni anno stila la classifica mondiale sulla corruzione pubblica percepita, l’Italia, con i suoi 44 punti, si colloca al 61esimo posto tra le 168 nazioni censite, penultima nella lista dei 28 membri dell’Unione Europea. Come il Senegal o il Montenegro, peggio del Rwanda o del Botswana.