Sentire la musica Di Voce in Voce

Federica Monte
di Federica Monte
Cultura e Spettacoli
28 settembre 2016

Sentire la musica Di Voce in Voce

Si è conclusa domenica la kermesse organizzata dai Radicanto al Teatro Traetta

"I suoni della terra di mezzo" sono stati il fil rouge delle tre serate proposte al Teatro Traetta dalla rassegna musicale Di Voce in Voce, organizzata dall'Associazione Culturale Radicanto di Bari, con il sostegno della Regione Puglia, il Comune di Bitonto, il Consorzio Teatro Pubblico Pugliese, il Parco delle arti di Bitonto, conclusasi lo scorso 25 settembre.

I sei concerti presentati durante l'ottava edizione hanno abbracciato gli stilemi dei timbri musicali del sud in equilibrio tra tradizione e scrittura d'autore, dando spazio a performance musicali che hanno attitudine teatrale: storie distese al sole per accogliere i sospiri di un mare mosso.

Hanno concluso la kermesse, il duo salentino Malià e il quintetto toscano Italian Klezmer Kapely. I primi, formati da Rachele Andrioli alla voce e Rocco Nigro alla fisarmonica, hanno ripercorso tessiture musicali dal tango al fado portoghese e con la loro filigrana musicale hanno diffuso suoni ancestrali, in cui forte si sente il legame con i Sud del mondo. La malìa è infatti la fatalità, la malinconia di non essere più già mentre siamo. I secondi, capeggiati da Enrico Fink e Arlo Bigazzi, con una diversa narrazione musicale, hanno ripercorso la tradizione ebraica dell'est Europa fino a giungere ai giorni nostri.

"La risposta è stata straordinaria, sono arrivate persone anche da Brindisi, molte dalla murgia. L'idea di ricongiungere chi fa musica e chi la riceve non è solo una suggestione, è una realtà. L'idea di una musica acustica, una musica non rassegnata, che non debba essere catalogata, lontana dai talent – senza nessuna polemica -, una musica che viene da un tessuto diverso che fa coltivare il dubbio è quello che alla gente serve" ha dichiarato Giuseppe De Trizio, organizzatore dell'evento.