Il centro di accoglienza nella Zona Artigianale non rispetterebbe i vincoli urbanistici

Savino Carbone
di Savino Carbone
Cronaca
14 settembre 2016
Photo Credits: Lisa Fioriello

Il centro di accoglienza nella Zona Artigianale non rispetterebbe i vincoli urbanistici

Presto interverrà la Prefettura. Mentre circolano voci su una nuova struttura alla ex 'De Renzio'

Da qualche settimana Bitonto ospita un nuovo centro di accoglienza per richiedenti asilo. La notizia, tenuta in sordina sino alle scorse ore, è trapelata a seguito di una presunta illegittimità del centro, che sorge nel cuore della Zona Artiginale.

La struttura, pare gestita dalla cooperativa "Il Sipario", è inserita in uno stabile a più piani adiacente un vecchio laboratorio tessile. Qui sarebbero ospitati poco più di una ventina di richiedenti asilo provenienti dall'Africa Subsahariana. Il centro, allestito a seguito di regolare bando indetto dalla Prefettura di Bari, non avrebbe però i requisiti per un'attività di accoglienza.

 

 

A mancare, infatti, sarebbe un certificato di abitabilità idoneo a scopi sociali. L'immobile, concepito come un'appendice della vecchia azienda, secondo le norme urbanistiche del Comune potrebbe ospitare solamente il nucleo familiare proprietario dell'azienda ed eventuali servizi di guardiania. Palazzo Gentile, difatti, venuto a conoscenza dell'esistenza del nuovo centro, avrebbe inviato un controllo di polizia edilizia che avrebbe sancito l'inidonietà della struttura. Di contro la cooperativa avrebbe presentato una richiesta di cambio di destinazione d'uso dell'immobile che difficilmente il Comune di Bitonto metterà al vaglio dei funzionari.

Una situazione complessa che molto probabilmente verrà risolta dalla Prefettura, pare intenzionata a negare ogni tipo di permesso al centro come ad oggi concepito.

Intanto si fanno sempre più insistenti voci secondo le quali i proprietari dell'immobile che ospitava fino a poco tempo fa la Scuola Media "De Renzio" sarebbero intenzionati ad allestire una struttura di accoglienza. E pare che alcuni residenti del quartiere abbiano promosso una petizione: "Noi gli immigrati non li vogliamo". Quasi certamente non li avranno: i bene informati dicono che la Prefettura e il Ministero dell'Interno non apriranno bandi per l'accoglienza di richiedenti asilo sul territorio barese nel breve periodo.

 

In foto il centro di accoglienza in Zona Artigianale