A Rigenera la Cuba secondo Giuseppe Savino

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
30 settembre 2016

A Rigenera la Cuba secondo Giuseppe Savino

La mostra fotografica sarà visitabile sino a domenica

"Se potessi avere una mostra al mese" è il titolo della rassegna, curata dal Laboratorio Urbano Rigenera, che nei prossimi giorni accompagnerà i suoi visitatori in un viaggio alla scoperta dell'affascinante Cuba. È stata inaugurata, infatti, sabato 24 settembre, la personale fotografica di Giuseppe Savino, allestita presso il Laboratorio Urbano Rigenera, sito in viale della Resistenza a Palo del Colle.

La mostra, sotto la direzione artistica di Monica Varrese e Nicola Vero, gestori del dinamico contenitore culturale della provincia di Bari, è stato organizzato da Rigenera in collaborazione con Fiof (Fondazione Internazionale per la Comunicazione Visiva), Qip (Qualified Italian Photographer) e Dynamyk Latino ed è stato sponsorizzato da HDI Assicurazioni di Arcangelo De Vito e De Vito Auto Service.

Immagini, quelle immortalate dall'insaziabile obiettivo di Giuseppe Savino, occhio tanto curioso quanto abile nel catturare preziosi frammenti di vita, che condurranno i visitatori in un'avventura dal sapore cubano. Partendo da l'Habana, toccando Genfuegos fino a raggiungere Trinidad, Varadero e Santiago, l'autore degli scatti in mostra racconta un viaggio compiuto fra la gente, le tradizioni ed i paesaggi di quei luoghi da lui esplorati ed immortalati. Ma a compiere un viaggio saranno anche gli spettatori di questa mostra che, catturati dall'intramontabile fascino dell'America Latina, diverranno protagonisti di un percorso, allo stesso tempo, d'osservazione ed interpretazione.

"Andare a Cuba significa fare un salto nel passato: è stato premuto il tasto PAUSA a 50 anni fa e tutto appartiene alla storia, dalla musica ai colori alle abitazioni. L'aria che si respira è stranamente magica e non si puó che essere trasportati da essa". Con queste parole Giuseppe Savino rivela le straordinarie sensazioni che l'hanno accompagnato durante questa esperienza, nonché l'essenza di un luogo che non ha dimenticato le sue radici e la sua storia.

Giuseppe Savino, nato nel 1973, sin da piccolo ha mostrato grande creatività ed interesse per il bello; ha ben presto affiancato il padre Mimì nell'attività di fotografo professionista, ereditando da lui e maturando esperienza, serietà ed affidabilità. Dal 1996 è proprietario e titolare dello Studio Fotografico "Fotografia Savino" e la sua attività si è contraddistinta per originalità, creatività e simpatia. Ha vissuto con entusiasmo e "spirito di avventura" il passaggio dalla fotografia tradizionale in camera oscura alla fotografia digitale, in camera chiara, conservandone sempre la sua caratteristica principale: l'attimo, quel frammento di tempo che rimane indelebile nella nostra mente e che suscita un'emozione a comando. Fotografo qualificato QIP 2014 (Qualified Italian Photographer) dal Fiof (Fondazione Internazionale per la fotografia video e comunicazione) nella sezione Reportage, continua instancabilmente alla ricerca della foto bella, quella che verrà fatta domani. Nel 2015 ha ricevuto 2 menzioni d'onore, al FIIPA e al SIPA contest.

La mostra sarà visitabile, con ingresso libero, fino al 2 ottobre dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle 18,00 alle 22,00 tutti i giorni.