De Palma presidente del Consiglio. Per il PD provinciale nulla da eccepire

Savino Carbone
di Savino Carbone
Politica
05 agosto 2016

De Palma presidente del Consiglio. Per il PD provinciale nulla da eccepire

Vaccaro aveva chiesto un deferimento al Comitato di Garanzia. L'interessato: 'Il PD locale bada troppo alle appartenenze'

Gaetano De Palma ha accettato la Presidenza del Consiglio Comunale? Per la Commissione di Garanzia del PD Provinciale non ci sarebbe nulla da eccepire. L’organo interno del partito ha risposto ad una istanza presentata dalla segreteria Vaccaro di Bitonto, che chiedeva un deferimento disciplinare ai danni del consigliere, succeduto a Palmieri (e a Cuoccio che per lungo tempo ha conservato la poltrona ad interim, ndr) sullo scranno del Presidente dell’assise. 

Il Partito Democratico locale aveva fatto intendere a più riprese che avrebbe intrapreso azioni contro il consigliere, reo, secondo i dem, di essere da un anno a questa parte molto vicino alle posizioni dell’Amministrazione, considerato che De Palma è molto vicino alla corrente di Progresso Democratico, una delle forze che quasi sicuramente sosterrà la seconda candidatura di Michele Abbaticchio.

L’istanza, tuttavia, non è mai stata ufficializzata alla stampa (nonostante fosse stata presentata il 22 Maggio scorso, ndr) e BitontoTV solo in questi giorni è riuscita a conoscere l’esito del procedimento aperto davanti alla Commissione Garanzia di Bari. 

Nel verbale della seduta dell’11 Luglio la Commissione ha spiegato di aver ascoltato la segreteria del PD locale e De Palma separatamente, dopo aver accolto le deduzioni di ambo le parti. “La Commissione quindi, riunitasi ha esaminato approfonditamente l'intera questione - si legge nel verbale - e, dopo un ampio dibattito, non ha rilevato fatti o circostanze che hanno violato alcuna norma statutaria”. De Palma, dunque, non subirà alcun richiamo dagli organi provinciali.

“Non ho da dichiarare nulla di particolare se non che, come avevo preannunciato nel discorso di insediamento e come era anche nelle intenzioni di Sindaco e maggioranza che mi hanno votato, la mia elezione non ha comportato nessuna variazione negli equilibri del Consiglio Comunale. La prova sono i miei voti sui provvedimenti - ha spiegato De Palma ai taccuini di BitontoTV - il PD locale ha un grosso limite: bada troppo alle appartenenze e alle cordate e troppo poco alle prospettive politiche. Meno ancora alle potenzialità delle persone”.

E quanto a Progresso Democratico: “Siamo da espellere? Certamente siamo pienamente consapevoli del fatto che se non condivideremo le scelte del PD in ordine al candidato sindaco e alla coalizione, solo allora saremo noi per primi a tirarci fuori dal partito. Non mi pare che per ora il PD abbia fatto scelte definitive, tant'è che lo stesso Ricci nell'intervista non chiude definitivamente le porte ad Abbaticchio, né ad una parte della sua maggioranza. Credo però che il problema principale del PD locale non sia quello di far fuori le persone,semmai quello di farle rimanere. Meglio ancora di farne entrare altre”.

Il clima rimane, dunque, molto teso. E a nulla vale l'appello della Commissione a chiusura di verbale: "La Commissione infine auspica che, anche in vista delle ormai prossime elezioni amministrative, venga da tutti fatto uno sforzo per mantenere il dibattito interno il più pacato possibile".