Nel weekend si inaugura il nuovo Rigenera

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
22 luglio 2016

Nel weekend si inaugura il nuovo Rigenera

Il laboratorio urbano di Palo avrà tantissime novità. L'opening con i live di Neri per Caso e Municipale Balcanica

Sabato 23 luglio e Domenica 24 luglio alle 19 si inaugura il nuovo Rigenera, il laboratorio urbano di Palo del Colle diventa impresa. Al termine di mesi di progettazione partecipata e lavori di ristrutturazione e ridefinizione degli spazi, Rigenera SmART City è pronto per muovere i primi passi coniugando, come ha sempre fatto, sostenibilità economica, impatto sociale e un modello di gestione e di impresa culturale di supporto alle Pubbliche amministrazioni, basato su etica, fiducia e condivisione. Rigenera, investendo fondi privati, ha avviato un processo di riqualificazione e potenziamento della struttura.

Sabato 23 e domenica 24 luglio è in programma una festa sulla rigenerazione urbana. Mercatini dell'artigianato, Food&Drink, Street Art, mostre, incontri letterari, caccia al tesoro nel cuore della notte e tantissima musica live: Neri per caso, Municipale Balcanica, Hörinne, Folà, Dyapason, Crazy music Lab, Nicola Lopez Gypsy Project, live dj set con Shanty Crew & Silent Disco con Radio Deejay Team, Jam session estemporanea alle prime luci dell'alba e tanto altro ancora.

Due giorni da passare insieme, rigenerandosi e tornando a casa con la consapevolezza che incontrarsi è la "conditio sine qua non" dalla quale partire per conoscersi, confrontarsi e dar corpo alle proprie idee.
Rigenera diventa oggi impresa socio-culturale e rilancia la sua offerta e i suoi servizi. Da sabato prossimo, infatti, il laboratorio urbano si trasforma in Rigenera smART City: una struttura di 500 metri quadri completamente eco-sostenibile, circondata da un ampio giardino, con otto diverse sale (di varie dimensioni e tutte con bagno e ingresso indipendente). Ci sono Rigenera Social Space (sala teatro/convegni); Rigenera Bookshop&Bookcrossing (libreria); Rigenera Social Kitchen&Coffee (Bistrot); Rigenera Coworking Room; Rigenera Brain-Lab (uffici, sportello per l'immigrazione e sportello informativo destinato agli operatori del terzo settore); Dee jay team web radio; Rigenera Creation Lab(spazio creativo per giovani innovatori sociali).

"Abbiamo investito 110mila euro (30% da sponsorizzazioni private e 70% da un prestito bancario) per potenziare e riqualificare Rigenera. È stato attivato – spiega Nicola Vero - anche un pacchetto finanziario con Banca Intesa per permettere a chiunque voglia di sostenere economicamente la nuova impresa Rigenera Smart city. A partire da settembre 2016 si potrà donare attraverso Terzovalore.com (il portale realizzato da Banca Prossima, la banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al mondo no profit) una cifra a partire dal valore di 10 euro da destinare a Rigenera SmART City". E aggiunge: "Stiamo cercando di coniugare la sostenibilità economica con un grosso impatto sociale e culturale, immaginando e sperimentando un nuovo modello di gestione culturale che sia anche di supporto al lavoro delle pubbliche amministrazioni".

Un immobile, inutilizzato da oltre 20 anni, di proprietà del comune di Palo del Colle, ristrutturato e riqualificato da un gruppo di trentenni che lo hanno trasformato in un nuovo spazio pubblico per la comunità. Questo è il laboratorio urbano Rigenera, nato nel 2013 grazie al programma Bollenti Spiriti della Regione Puglia, la cui nascita ha innescato un processo di rinascita culturale e sociale mediante la realizzazione di spazi di aggregazione dove discutere e crescere insieme. Grazie alla sapiente gestione del laboratorio affidata all'associazione ITACA con gara d'appalto nel progetto di "rigenerazione urbana" promosso dal Patto Intercomunale (Protocollo d'Intesa) tra i Comuni di Bitetto, di Bitritto e di Palo del Colle, il laboratorio urbano, in collaborazione con le associazioni del territorio, ha realizzato e promosso attività a sostegno dei giovani talenti locali, nazionali e internazionali. Fino a quel momento Palo era un paese privo di cinema, teatro, libreria, sale per mostre d'arte ed ambienti in cui i giovani potessero riunirsi per studiare, dar corpo alle loro idee ed i bimbi continuare ad imparare anche al di fuori delle mura scolastiche. La politica di condivisione di Rigenera ha dato la possibilità di raggiungere obiettivi sempre più grandi. Il dialogo con le realtà territoriali e non ha permesso di introdurre come contributo alla gestione anche uno scambio di servizi di pari entità. Oggi a Rigenera convivono ben 22 realtà associative differenti, che utilizzano gli spazi in coworking e scambiandosi servizi. Questa visione non legata in maniera ossessiva al denaro, la politica di fiducia, condivisione ed etica e il lavoro di questi primi anni hanno dato vita ad una rete capace di proporre progetti sostenibili e utili all'innovazione sociale e culturale con una ricaduta positiva sul territorio.