Il Centro Ricerche si prepara al futuro: nuovi consiglieri e soci

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
15 luglio 2016

Il Centro Ricerche si prepara al futuro: nuovi consiglieri e soci

L'ha deciso il nuovo presidente Milillo. Pagano dirigerà la rivista 'Studi Bitontini'

Tempo di cambiamenti e nuovi incarichi al Centro Ricerche di Bitonto, che nel 2018 raggiungerà il traguardo dei 50 anni di vita e che dal 1968 rappresenta un punto di riferimento importante cittadino sotto il profilo della promozione della cultura e dell'arte, nonché nella ricerca, nello studio e nella valorizzazione del patrimonio storico della città.

Il neo-presidente Stefano Milillo, tenendo conto della situazione attuale dell'ente, e in vista di un possibile ricambio gestionale e generazionale, ha deciso la nomina dei nuovi consiglieri e soci nei vari settori operativi.

Il vicepresidente sarà Carmela Minenna; segretaria resta Chiara Cannito, con la collaborazione di Margherita Santarella; tesoriere Francesco Stellacci, con la coadiuvazione di Michele Colapinto; Biblioteca e beni librari, Domenico Schiraldi, con la collaborazione di Michele Noviello; Patrimonio del Centro, Aniello Sannino; Rapporti con Enti, istituzioni e associazioni, Sandro Carbone, con la collaborazione di Franco Labellarte; Social network e rapporti con i soci, Lino Minenna; Beni architettonici e urbanistici, Antonio Stellacci; beni pittorici e scultorei, Antonio Sicolo; patrimonio fotografico, documentazione informazione, Italo Maggio ed Emanuele Bulzis.

Il Museo delle Tradizioni popolari sarà a cura di Nicola Pice, Carmela Minenna, Michele Colapinto, Nino Brandi, Augusto Garofalo. Il giornalista Marino Pagano, invece, diventa responsabile della rivista "Studi Bitontini". Direttore editoriale, Silvio Custode Fioriello. Settore Musica, Vito Vittorio De Santis; Storia e saggistica, Vincenzo Robles. Il gruppo Giovani, invece, sarà composto da Marino Pagano, Lino Minenna, Domenico Schiraldi. Revisori dei conti: Vincenzo Cariello, Domenico Pappalettera, Vincenzo Delvino. Probiviri: Augusto Garofalo, Pietro Drimaco, Gaetano Minenna.