Fermata la banda delle rapine: tra loro due giovani ragazze

di La Redazione
Cronaca
26 luglio 2016

Fermata la banda delle rapine: tra loro due giovani ragazze

La gang è stata bloccata dopo un pedinamento. Forse sono i responsabili delle recenti rapine nel territorio

L’incubo degli esercenti locali, probabilmente, è finito. Gli uomini del Commissariato di Polizia di Stato di Bitonto hanno fermato una banda composta da sei persone responsabili di una rapina all’Alter Discount di Palo del Colle

Pare che il gruppo criminale, composto da sei persone - tra cui due minorenni e due ragazzine - sia il responsabile delle numerose e recenti rapine alle attività commerciali del territorio, che, nelle ultime settimane, hanno gettato nel terrore l’intera categoria. Le forze dell’ordine hanno tratto in arresto la banda dopo lunghi pedinamenti, cominciati proprio a Bitonto.

Secondo il racconto del Commissariato “sabato mattina i poliziotti si sono appostati sotto l'abitazione di Incantalupo, individuato come persona sospetta. Poco dopo mezzogiorno i sei presunti responsabili della rapina si sono incontrati vicino all'auto Citroen Xara Picasso di proprietà del 37enne, sono saliti a bordo e si sono diretti a Palo del Colle dove, dopo aver effettuato numerosi giri per le strade principali del centro abitato, si sono fermati nei pressi di un supermercato. Dall'auto sono scesi Vurro e due dei quattro minori, con il volto scoperto e apparentemente diretti nel negozio con l'intento di effettuare un sopralluogo. I poliziotti sono rimasti appostati vicino all'auto, su cui erano rimaste a bordo gli altri. Pochi minuti dopo hanno notato i tre, con il capo coperto da passamontagna ma riconoscibili per via degli indumenti indossati, tutti armati  di pistola, che sono rientrati frettolosamente nell'auto di Incantalupo con il motore acceso, portando con sé due cassetti dei registratori di cassa. Gli agenti, avendo notato che i rapinatori erano in possesso di tre pistole, hanno deciso di non bloccarli nel centro abitato per evitare un eventuale conflitto a fuoco che potesse mettere a repentaglio la sicurezza pubblica, e li hanno invece seguiti per poterli poi fermare. Dopo essere usciti dal paese, giunti sulla poligonale Palo del Colle-Palombaio, la vettura dei rapinatori ha imboccato una via di campagna ed ha arrestato la sua corsa. Gli occupanti sono scesi e, mentre gli autori materiali della rapina si sono cambiati gli indumenti, le due ragazze minorenni e il 37enne si sono impossessati della refurtiva, deponendola  in un contenitore, e hanno abbandonato nelle campagne le cassette dei registratori di cassa. Successivamente i sei sono risaliti a bordo della Citroen e hanno tentato di allontanarsi, ma sono intervenuti i poliziotti che li hanno fermati e tratti in arresto. La perquisizione, cui sono state sottoposte le persone e la vettura, ha consentito di recuperare la refurtiva (535 euro in banconote e 193.50 euro in monete), tre pistole poi risultate scacciacani ma riproduzioni fedele di armi reali, tutti gli indumenti utilizzati durante la rapina e i telefoni cellulari dei rapinatori.

Nella campagna adiacente sono stati inoltre rinvenuti e sequestrati i cassetti dei registratori di cassa, alcuni buoni pasto e numerosi scontrini di ricevute pago bancomat, materiale abbandonato poco prima dai rapinatori.

La visione delle immagini del sistema di videosorveglianza di cui è dotato il supermercato rapinato, l'Alter Discount di via XX Settembre a Palo del Colle, ha rafforzato ulteriormente il quadro probatorio raccolto a carico degli indagati che sono stati ripresi mentre perpetravano la rapina”.

Sono stati fermati Raffaele Vutto e Francesco Incantalupo, condotti nel carcere di Bari, due 17enni, destinati all'istituto penale per minorenni Fornelli di Bari, una 16enne, sottoposta alla misura della permanenza in casa, e una 13enne affidata alla madre.