'Superiamo le divisioni'. Il PD chiama a raccolta il centrosinistra

di La Redazione
Politica
06 giugno 2016

'Superiamo le divisioni'. Il PD chiama a raccolta il centrosinistra

Sabato in programma un primo incontro per definire una piattaforma programmatica

Ad un anno esatto dal prossimo appuntamento con le Amministrative, arriva la chiamata alla armi del Partito Democratico di Bitonto. Nelle scorse ore la segreteria retta da Biagio Vaccaro ha annunciato un momento di incontro in programma per il prossimo sabato,a alle 17:30, presso il Sancti Nicolai Convivium in Piazza Cattedrale.

Obiettivo del meeting, a cui sono invitate "tutte le forze politiche cittadine, movimenti, associazioni e singoli cittadini che si riconoscono nei valori del centro sinistra", è la "creazione di una piattaforma politico-programmatica" in vista della tornata elettorale per il rinnovo del governo di Palazzo Gentile.

"Bitonto non può e non deve essere un elenco di opportunità mancate - si legge nella nota di invito del Partito Democratico -  La nostra città possiede numerose potenzialità che vanno tradotte in reali benefici per la comunità. In passato il centrosinistra unito è stato in grado di assicurare una visione lungimirante: dal recupero del centro storico alla costruzione di una comunità solidale che deve essere alla base dell'agire politico".

A detta di Vaccaro & Co. "la città di Bitonto, oggi più che mai, ha bisogno di un progetto di governo che veda l'amministrazione pubblica comunale come il luogo in cui le forze sane della comunità si aggregano e condividono un percorso virtuoso per tutti i cittadini. È nei momenti duri come questi che diventa fondamentale fare quadrato, mettendo da parte le incomprensioni del passato, per ottenere più risultati e per arginare quei fenomeni negativi che da sempre affliggono il nostro paese".

Incomprensioni che da oltre quattro anni contribuiscono alla frattura tra le due anime del centrosinistra, quella partitica - rappresentata, appunto dal PD - e quella delle civiche, che nel 2012 hanno saputo imporsi (contando sull'appoggio degli allora scontenti Sel e Psi, ndr) portando Abbaticchio sullo scranno più alto di Palazzo Gentile.

Nonostante gli anni di amministrazione Abbaticchio non siano serviti a ricucire la ferita, per i dem sarebbe "ora di sedersi tutti insieme a discutere, rappresentanti politici e cittadini, senza esclusione alcuna, superando tutte le divisioni, purché motivati dal Bene Comune". "Le buone idee devono prevalere su qualsiasi ambizione personale - spiegano dalla sezione locale, (riferendosi forse alla quasi sicura ricandidatura di Michele Abbaticchio?, ndr) - Come donne e uomini siamo a servizio della comunità e non dobbiamo servirci al contrario della stessa".

Bisognerà capire le reali volontà delle forze di centrosinistra che sostengono Abbaticchio, oggetto anche nelle scorse settimane di violenti attacchi da parte del Pd sulla questione Europrogea. Quello dei piddini, comunque, rimane tra gli appuntamenti più interessanti, che seguono l'esperimento di cantiere civico avviato da Città Democratica e Progetto Comune e l'annuncio della piattaforma programmatica della Costituente della Sinistra. La partita interna al centrosinistra diventa sempre più accesa.