Sel esce dalla Costituente di Sinistra

di La Redazione
Politica
24 giugno 2016

Sel esce dalla Costituente di Sinistra

L'annuncio di Brancale è arrivato ieri sera: 'Nessuna divergenza, è una pausa di riflessione'

È mistero sulla noticina con cui il segretario di Sinistra Ecologia e Libertà ha annunciato la fuoriuscita del gruppo dalla neonata Costituente di Sinistra. Il secco annuncio di Antonio Brancale è arrivato nella tarda serata di ieri: "In un momento di riorganizzazione, sia del gruppo politico sia dell'intera sezione di Sel bitonto, comunichiamo la decisione condivisa dall'intero gruppo, di sospendere la collaborazione nel progetto della costituente di sinistra, che consideriamo nonostante questa decisione valido - si legge nella nota di Sel - Alla base della nostra decisione non vi è nessuna divergenza ma solamente la volontà di riflettere e chiarire il cammino che il gruppo dovrà intraprendere".

La decisione, improvvisa quanto inaspettata, arriva come un fulmine a ciel sereno nell'alveo del centrosinistra impegnato a costruire il percorso di ricandidatura di Michele Abbaticchio. Nelle intenzioni la Costituente avrebbe dovuto raggruppare tutti i soggetti politici della sinistra radicale, come Sel e Rifondazione.

La Costituente è stata tra le poche forze ad esprimersi duramente sul caso Cerin, arrivata a chiedere anche un Consiglio Comunale monotematico (celebratosi ieri, ndr). A convincere Sel (rappresentata sia nell'assise che in Giunta, ndr) a fare un passo indietro forse proprio le posizioni espresse sulla vicenda - diretta espressione del cuore di Rifondazione.

Ci si chiede se arriverà una risposta da Vincenzo Martinelli, unico referente ufficiale del Movimento. Ma soprattutto come la "pausa di riflessione" di Sel possa influenzare il cammino del cartello di sinistra verso le prossime Amministrative.