'I rischi della movida ci sono. Ma abbiamo valide alternative culturali'

di La Redazione
Cronaca, Cultura e Spettacoli
17 giugno 2016

'I rischi della movida ci sono. Ma abbiamo valide alternative culturali'

Michele Abbaticchio risponde all'ultimo Spoiler di Rocco D'Ingillo

“Non ho dubbi che i rischi sollevati da Rocco siano legittimamente fondati. Di questo ne abbiamo preso coscienza già dal nostro primo anno di Amministrazione”. Il sindaco Michele Abbaticchio interviene ai taccuini di BitontoTV all’indomani dell’allarme lanciato da Lo Spoiler di Rocco D’Ingillo sui rischi legati all’abuso di alcool e droga da parte dei giovani, sempre più protagonisti della movida del centro antico.

Il primo cittadino, difendendo le politiche di riappropriazione degli spazi del borgo, sottolinea come Palazzo Gentile abbia promosso iniziative di controllo e di sensibilizzazione in materia di dipendenze. “Fatti salvi tutti gli effetti positivi della riappropriazione degli spazi, della riduzione di incidenti stradali serali dei nostri figli prima praticamente obbligati ad uscire fuori città, del 'aumento degli spazi di accoglienza turistica che ci prendiamo appieno - scrive Abbaticchio a BitontoTV - dal 2013 è attivo lo sportello Caps per prevenire ed informare in orari serali i nostri ragazzi sui rischi delle dipendenze in genere”

Proprio in questi giorni, inoltre, “settanta ragazzi potenzialmente a rischio sono protagonisti di un laboratorio teatrale che lancia una produzione di rilievo nazionale per un messaggio contro tutte le dipendenze”.

Per Abbaticchio la città avrebbe iniziato ad offrire prodotti culturali in grado di attrarre le utenze più giovani. “La Biblioteca si è trasformata in un polo giovanile legata alla promozione della lettura - spiega il Sindaco, rispondendo alle preoccupazioni di D’Ingillo, che paventava l’urgenza e la necessità di un contenitore culturale serale destinato ai giovani - con sale multimediali, fumetteria, teca dell'infanzia, sala multimediale. Spesso è aperta in fasce serali, così come il Torrione Angioino. Prima questi beni seguivano esclusivamente orari di mattina o pomeriggio”

“Entro la fine di quest'anno - annuncia - inaugureremo la sala prove musicali e il museo del bambino, assieme al Centro Polifunzionale Sportivo e il Centro Tecnologico”, in sostanza “tutti poli aperti ai giovani ed alla cultura dello sport, della musica e dello sviluppo tecnologico”.

“Le alternative alle sale di Bollenti Spiriti ci sono - conclude Abbaticchio - e si affiancano ad un teatro attivo ed accogliente per molte iniziative culturali giovanili. Direi che il pubblico deve sempre migliorare ma che qualcosina è stata fatta”.