Dronando: l’arte materica di Michele Agostinelli

Federica Monte
di Federica Monte
Cultura e Spettacoli, Video
24 giugno 2016

La mostra è stata inaugurata mercoledì scorso all'Ex Palazzo delle Poste. BitontoTv tra i mediapartner

È stata inaugurata lo scorso mercoledì la mostra personale di Michele Agostinelli, intitolata "Dronando. Volare dentro la materia", presso il Centro Polifunzionale Uniba, all'Ex Palazzo delle Poste di Bari.

Venti opere materiche, divise per quattro sezioni rispettivamente Musica, Bagliori, Esplosioni e Poste, sono state esposte nel grande salone centrale dell'edificio e saranno fruibili fino al 6 luglio. A queste opere ne vanno aggiunte altre cinque che sono ponte fra arte materica e scrittura, infatti sono state ispirate da Nero di Seppia, il romanzo del barese Vittorio Stagnani.

Il titolo della mostra, intende sottolineare l'etimologia del termine inglese drone, inteso sia come fuco – maschio dell'ape - sia come ronzio. Allora l'artista è un drone che dall'alto col suo sguardo coglie e cattura la materia, come un ape sui fiori.

Durante il Vernissage sono intervenuti il giornalista Livio Costarella, la storica dell'arte Paola di Marzo e la scrittrice pugliese Concetta Antonelli. Le poesie di quest'ultima accompagnano tutte le opere di Agostinelli. L'evento è stato patrocinato dall'Università degli Studi di Bari e con la mediapartnership di BitontoTv.