La città piange l'ex sindaco Girolamo Larovere

di La Redazione
Politica
24 maggio 2016

La città piange l'ex sindaco Girolamo Larovere

Durante il suo mandato Bitonto ricevette la visita di Giovanni Paolo II

Si è spento nella notte Girolamo Larovere, sindaco di Bitonto dal settembre 1981 al gennaio 1985. Figlio di Domenico, primo cittadino dal '71 al '77, Larovere guidò Palazzo Gentile nel ventennio d'oro del Partito Socialista Italiano in città.

Fu impiegato INPS e grande attivista della locale sezione socialista che rappresentò anche in Consiglio Provinciale. Durante il suo mandato, Bitonto ospitò, nel febbraio 1984, papa Giovanni Paolo II. "Oggi, da questa città degli ulivi, dai nostri contadini, da quanti sono qui convenuti in questa magnifica assemblea, parte una testimonianza di fede ma anche di speranza nella giustizia, nella pace e nella fraternità universale" ebbe a dire davanti al pontefice.

Negli annali curati da Antonio Amendolagine e Michele Muschitiello si legge come a Larovere si deve la realizzazione in tempi record della Pretura e della Caserma dei Carabinieri, la pavimentazione di piazza Aldo Moro e di piazza XXVI Maggio 1734, nonché la realizzazione della ringhiera della Villa Comunale, dimessa negli anni del fascismo.

Su figlio, Domenico, da vent'anni è impegnato con la direzione del mensile Primo Piano, tra i primi periodici di informazione cittadina, assieme al Da Bitonto. I funerali si terranno questo pomeriggio, alle ore 16:00, presso la Chiesa del Crocifisso.

Solo qualche mese fa, Bitonto piangeva la scomparsa di Umberto Kühtz. Storico Sindaco di Bitonto dal Dicembre 1994 al 1998, primo ad essere stato eletto dai cittadini, Kühtz successe in ordine di tempo a Francesco Dimundo e al commissario prefettizio Mario Tafaro.