Episodio 3.4: Lo Spoiler Democratico

Rocco D'Ingillo
di Rocco D'Ingillo
Lo spoiler, Terza Stagione
19 maggio 2016

Episodio 3.4: Lo Spoiler Democratico

Sul perché chi spoilera è, democraticamente, uno stronzo

La piaga della società occidentale degli anni Dieci del nuovo millennio ha un nome e si chiama "spoiler". Internet e i social hanno reso questa tragedia ormai incontrollabile, virale e senza alcun limite. A parte quello della personalissima coscienza dell'utente.

L'arte del rovinare il finale ad effetto, il colpo di scena o anche il minimo dettaglio della vostra serie tv preferita o del film che non siete ancora riusciti a vedere è un'arte oscura, conosciuta purtroppo da molta più gente di quanto voi possiate immaginare. Sarebbe bello farne a meno, dire che non vi interessa sapere cosa accadrà nella prossima puntata, ma lo spoiler resta comunque infame, cattivo e bastardo, e quando arriva fa male e picchia forte.

Eppure, stando a quanto accaduto nelle ultime settimane, si potrebbe quasi affermare che l'arma dello spoiler sia spesso sconosciuta a chi la usa. Spesso infatti il carnefice è ignaro del potere della conoscenza del colpo di scena, e crede che una simpatica condivisione in bacheca della morte di quel personaggio o della resurrezione di quell'altro sia semplicemente un modo per apparire fighi, o per condividere col mondo la propria esperienza d'arte vissuta, o semplicemente per elevarsi al livello di grande fruitore di cinema o televisione d'alta qualità. Il tutto è spesso semplicemente riassumibile col fatto che, ignaro o meno, chi spoilera è uno stronzo.
Ma è anche bene non crocifiggere sempre chi compie quest'atto di immane violenza, poiché capita sempre più frequentemente che lo spoileratore non sia del tutto avvezzo alla 'cultura' della serie tv, o del cinema in generale.

Spesso, infatti, vengono spoilerate serie tv più mainstream, dove per mainstream non si intende necessariamente un prodotto di qualità più scadente, ma semplicemente con un pubblico più vasto e, fondamentalmente, di successo: basti vedere a cosa è accaduto negli ultimi giorni per Gomorra o per Game of Thrones, tra le più famose, rispettivamente, in Italia e negli U.S.A.

Il pubblico di serie tv molto seguite spesso è poco selezionato, e quasi sempre è un pubblico 'vecchio stile', non ancora abituato all'on-demand (stile Netflix) o al download (illegal...ehm), che quasi sempre guarda ciò che la tv offre, senza una ricerca di fondo. E questo non è chiaramente un male, ma rende la percezione del prodotto televisivo in maniera differente: l'utente che va alla ricerca del prodotto è abituato ad aspettare per la visione di una puntata, quello che invece usufruisce del servizio live broadcast (in un certo senso passivamente) dà invece per scontato che anche il resto del mondo abbia visto tale film o tale puntata di quella serie tv.
Il problema è che, purtroppo, il mondo non funziona così.

La comodità dell'on-demand comporta un'enorme debolezza, quella del rimanere scoperti, se non addirittura nudi e impotenti, di fronte all'arma dello spoiler. Specialmente di quello online che magari ti capita in bacheca, o aprendo una foto o leggendo un commento sbagliato. Ma questo risulta poco chiaro allo spoileratore ignaro, che spesso anzi ignora del tutto la gravità dello spoiler. E questo cocktail letale di democratico accesso a Internet unito all'incoscienza dello spoileratore inesperto rendono la situazione molto simile al ritrovarsi di fronte a un bambino di quattro anni con in mano una pistola con un colpo in canna. Quel bambino sparerà, convinto di non fare niente di male, e voi soccomberete.

Lo spoiler, specialmente per Gomorra, funziona così. Forse perché l'utenza di Gomorra è fin troppo variegata, dato che va dall'esperto cinefilo cultore della qualità, della regia e della tecnica fino al delinquentello dei bassifondi di Campobasso con il sogno nel cassetto di diventare un grande boss della mafia mondiale. Forse è per questo che gli italiani hanno un problema con Gomorra, ed è lo stesso motivo per cui hanno un problema con la democrazia. Forse, in questo senso, Gomorra è la serie più 'democratica' di fronte a cui ci potremo mai trovare in Italia, perché la guardano tutti, ma tutti in modo differente.
E questa stessa diversa percezione dei contenuti si riversa sul web, e sugli spoiler che circolano viralmente, letalmente, su di esso.

E per questi motivi, lo spoiler è un'arma maledettamente democratica: è accessibile a tutti e può colpire chiunque. E sempre per questi motivi, colui che spoilera, sia nell'incoscienza che nella presunzione, è, democraticamente, uno stronzo.