Castellano: 'I risultati ASV sono sotto gli occhi di tutti'

Savino Carbone
di Savino Carbone
Politica, Cronaca
19 maggio 2016

Castellano: 'I risultati ASV sono sotto gli occhi di tutti'

Intervista all'amministratore unico dell'Azienda. Tra ARO, SANB e bilanci

Sono passati venti mesi dall'insediamento dell'Amministratore Unico in Azienda Servizi Vari. Vincenzo Castellano ha sostituito il vecchio Consiglio di Amministrazione della partecipata comunale e adesso è al timone di una realtà in grado di poter competere sul mercato dei servizi per gli enti locali, ma che deve affrontare numerose difficoltà. Molte delle quali legate alla crisi del ciclo rifiuti in Puglia, alla carenza di impianti di smaltimento e il "regime di monopolio" in cui operano gli ultimi rimasti.

 

Castellano, ormai siede da venti mesi su quella poltrona.

Sono stati mesi molto impegnativi. Al mio arrivo (nell'Ottobre 2015, ndr) ho trovato un'azienda che svolgeva molto bene il suo lavoro. Ma si poteva fare di più: grazie a tutta la struttura - e il lavoro di professionisti diligenti dome Pasculli e De Donno, oltre che di tutto il personale - abbiamo reso più solida l'azienda. Ad oggi dico che c'è ancora qualcosina da fare.

Quali sono state le migliorie apportate?

Innanzitutto abbiamo cercato di definire i ruoli di ogni dipendente. Tutti adesso hanno una mansione specifica da svolgere. Per non parlare delle implementazioni fatte su mezzi e strumenti di lavoro. Oggi abbiamo un ufficio che prepara le gare per gli approvvigionamenti. Per quasi ogni settore facciamo una gara. Questo ci ha consentito di raggiungere un risparmio che in media si attesta attorno al 25-30% per ogni settore della nostra attività.

La novità di questi ultimi anni è stata certamente l'entrata di ASV nel mercato.

Devo dire che il mio passato in Italgas mi ha aiutato pensare all'Azienda Servizi Vari come una società che potesse competere nel mercato libero. Abbiamo un ufficio che si occupa di questo e partecipiamo a tantissime gare. Assieme a Cerveteri - oggi sub judice, per cui ho dovuto riaprire una pratica già preparata da chi mi ha preceduto - sono in ballo gare importanti in tutto il territorio dell'ARO Bari 4, degli ARO di Lecce e del Comune di Ischitella.

Tra le questioni che ha dovuto affrontare c'è quella legata alla Modugno SCARL.

C'è un procedimento in corso e l'azienda sta operando affinché vengano recuperati tutti i crediti.

La costituzione dell'ARO e la nascita della SANB potrebbe danneggiare l'azienda?

Personalmente ritengo che nessuno pulisce meglio un territorio di chi lo abita quotidianamente. In ASV abbiamo un parco dipendenti efficiente e legato all'identità dell'azienda. Abbiamo un cosiddetto know how. Detto questo, le razionalizzazioni legate all'ARO andrebbero valutate per bene. Come la situazione dei Comuni di Molfetta e Corato, con annesse municipalizzate.

E l'alienazione delle quote pubbliche?

Mi chiedo: cui prodest? Non sarebbe forse meglio fare il contrario? Acquisire le quote private e incamerare totalmente una realtà in grado di svolgere una vasta gamma di servizi: dall'igiene urbana, alla manutenzione del verde, persino alla riscossione dei tributi. Nel frattempo, però, l'azienda cresce e di conseguenza la valutazione aumenta. Qualsiasi operazione di vendita dirà per forza tener conto del grande lavoro svolto da ASV.