L’ITE partecipa alla Rassegna Nazionale Teatro Scuola di Castellana Grotte

Federica Monte
di Federica Monte
Cultura e Spettacoli, Video
28 aprile 2016

L’ITE partecipa alla Rassegna Nazionale Teatro Scuola di Castellana Grotte

L'istituto porterà in scena lo spettacolo dedicato ad Aldo Moro

La compagnia teatrale dell'ITE, parteciperà quest'anno alla Rassegna Nazionale di Teatro Scolastico Speranze Giovani" "Maria Boccardi", in programma dal 5 al 7 Maggio a Castellana Grotte, con il suo ultimo lavoro "La mia voce oltre il muro". Lo spettacolo racconta la vicenda che vide protagonista il presidente della Democrazia Cristiana, Aldo Moro, sequestrato dalle Brigate Rosse nel marzo 1978. L'adattamento teatrale trae spunto dal libro "I cinquantacinque giorni che hanno cambiato l'Italia" di Ferdinando Imposimato, il giudice istruttore che seguì direttamente il caso del rapimento. A distanza di trentacinque anni dall'omicidio di stato, il magistrato ha sollevato numerosi dubbi circa la natura della morte di Moro.

La pièce, andata in scena nel giugno 2015, coniuga prosa canto e danza, quest'ultima parte curata da Maria Concetta Tatulli e Francesco Tullo, indispensabile anche l'aiuto di Daniela Pizzulli per la regia luci e per l'impianto scenografico, per un risultato davvero ottimo, al limite del professionale, considerando che tutti i ragazzi partecipanti si sono approcciati per la prima volta al teatro.

 

L'intervista realizzata da BitontoTV lo scorso anno


Le scuole finaliste che si contenderanno il primo premio provengono da tutta Italia: I.P.S.I.A. "Galileo Galilei" di Caltanissetta con "La buffa opera del 700 ovvero il cortile degli aragonesii", Liceo Scientifico 2Giovanni Vailati" di Genzano (Rm) con "Il talismano", I.C.S. "Don Ticozzi" di Lecco con "Peter Pan", I.C. "Federico De Roberto di Zafferana Etnea (Ct) e I.I.S.S. "A. Righi" di Taranto con "Il berretto a sonagli" e il nostro I.T.C. Vitale Giordano che si esibirà alle 18.30 di Venerdì 6 maggio nel cinema-teatro di Castellana Grotte. La cerimonia di premiazione si svolgerà sabato 7 maggio.

"Il teatro, nella sua più alta funzione sociale, è quello scolastico. Nonostante io sia in pensione continuo a tornare a scuola per seminare tra i ragazzi la bellezza del teatro. Il teatro aiuta i ragazzi alla coesione, a sentirsi parte di un gruppo, aiuta a relazionarsi con gli altri, ad avere fiducia negli altri, e cosa ben più importante fa divertire. Molti dei miei ex-alunni hanno iniziato a fare teatro con la scuola e poi hanno scelto di approfondirlo anche fuori" ha spiegato la professoressa Anna Grande, regista di tutte le opere presentate negli anni e curatrice dei testi assieme alle professoresse Lucia Achille, Rosa Mitolo, Angela Pagone e Rosangela Magro.

"L'obiettivo teatrale è quello di migliorare il ben-essere degli studenti con attività che potenziano l'autostima, il rapporto con gli altri, le competenze di ognuno. Inoltre l'approccio con la storia più recente non ha fatto altro che allargare i loro orizzonti culturali e portarli a comprendere la dura e complessa realtà degli anni di piombo. Lavoro faticoso ma estremamente importante per i giovani che hanno compreso ed amato il loro ruolo, nonostante le oggettive difficoltà di interpretazione" ha affermato la professoressa Lucia Achille, referente attuale dell'attività teatrale.

L'I.T.E. in passato ha partecipato al Concorso Nazionale Teatro Scuola "Grifo d'oro" a Partanna (TR), conquistando il primo premio per tre anni consecutivi, con gli spettacoli "Antonietta de Pace – donne in prima linea per l'unità d'Italia", "Giacomo Puccini...appuntamento con l'opera" e "I Miserabili". A questi vanno aggiunti i premi come migliori costumi, migliori coreografie, miglior gruppo vocale, miglior attore, miglior attrice, le tre medaglie del Presidente della Repubblica, il premio giuria giovane e il premio web.