Certificazioni online: niente più file agli sportelli

Federica Monte
di Federica Monte
Cronaca
30 aprile 2016

Certificazioni online: niente più file agli sportelli

È stata presentata ieri al Comune la piattaforma egov

Niente più code agli sportelli pubblici per la richiesta di certificazioni. Questo è l'obiettivo della nuova piattaforma egov.ba.it presentata durante una conferenza stampa tenutasi ieri, nella Sala degli Specchi del comune, alla presenza del sindaco Michele Abbaticchio e dell'assessore ai servizi demografici Giuseppe Fioriello.

"Raggiungiamo un altro punto del programma dell'amministrazione Abbaticchio, considerato che la stessa da tempo ha avviato un percorso di semplificazione e di modernizzazione dell'apparato burocratico e che la stessa è fortemente impegnata nel miglioramento dei servizi al cittadino" ha spiegato Fioriello.

"Quella che vi presentiamo oggi è sicuramente una rivoluzione, con l'Ente-comune che diventa facilitatore di processi e non diaframma. Si tratta dell'apertura di una porta d'accesso virtuale nel mondo della pubblica amministrazione. Per avere le chiavi sarà sufficiente collegarsi alla piattaforma egov.ba.it e utilizzare le credenziali che verranno fornite dopo la registrazione sul portale. Con un click il cittadino avrà la possibilità di usufruire di tutta una serie di servizi on line sviluppati nell'ambito dell'area vasta con la sicurezza della rete RUPAR, comodamente da casa - ha continuato - Abbiamo creato con questo servizio un'autostrada su cui far viaggiare le merci: saranno ridotte le distanze con cittadini, migliorata la qualità dei servizi, con conseguente risparmio di tempo, lunghe file, ci sarà una graduale eliminazione di materiale cartaceo che si traduce in risparmio per le casse comunali. Abbiamo l'ambizione di annullare l'emissione dei documenti e dei certificati, globalmente. Per incentivare questo processo virtuoso abbiamo adottato in giunta una proposta che prevede l'abolizione e la soppressione dei diritti di segreteria per chi usufruirà dei servizi on-line".

"Gli uffici dell'anagrafe avranno comunque una funzione di supporto, soprattutto nell'espletamento di quelle procedure che richiedono la presenza di un funzionario.
Due prossime sfide che ci attendono sono quella relativa al trasmettere questa nuova visione all'apparato e l'altra è quella che bisogna convincere i cittadini a queste nuove pratiche".

"In un contesto temporale dove la fiducia dei cittadini latita nei confronti della politica, credo che la stessa abbia il dovere ed il compito di creare meccanismi e progetti virtuosi. Si recuperare la fiducia dei cittadini solo se siamo utili. Questo progetto lo è" è stato il commento dell'assessore.

La piattaforma è stata finanziata dalla regione Puglia con i fondi europei, riguarda 28 comuni dell'Area Vasta Metropoli di Bari e mira all'innalzamento dei processi di innovazione tecnologica all'interno della pubblica amministrazione. Tra i comuni che hanno già al loro attivo i servizi online al cittadino c'è anche Bitonto, che tra quelli disponibili, ha deciso di aderire ai seguenti servizi: autodichiarazioni, certificato esistenza in vita, certificato di morte, certificato di nascita, certificato di residenza, certificato dello stato di famiglia, certificato di stato libero, certificato di vedovanza, insieme ai servizi Suap e Sue. A tutti si può facilmente accedere previa iscrizione.

"La scelta è stata quella di attingere dal fondo comunitario innanzitutto contando sul servizio anagrafico, è un passo in avanti verso chi non ha la possibilità di avere una mobilità facile. A loro rivolgo il mio pensiero, sono felici di aver contribuito anche in minima parte al miglioramento dell'accessibilità ai servizi pubblici" ha dichiarato il primo cittadino Michele Abbaticchio.