Sicurezza. Losacco interroga Alfano sulla situazione di Mariotto

di La Redazione
Cronaca
02 marzo 2016

Sicurezza. Losacco interroga Alfano sulla situazione di Mariotto

Il dem chiede più vigilanza. Intanto arrivano cento militari in Puglia

Mentre il ministro dell'Interno Angelino Alfano dispone l'arrivo di cento militari in Puglia, l'onorevole Alberto Losacco ha interrogato in Commissione il capo del Viminale sulla situazione relativa alla sicurezza nella frazione di Mariotto.

Il dem, in visita con una delegazione nei giorni scorsi alla Galleria Nazionale della Puglia di Bitonto, ha chiesto ad Alfano "quali iniziative intenda adottare in sede di Comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico al fine di verificare le criticità segnalate per il territorio di Mariotto". La frazione, come spiegato nel corpo della interrogazione, è oggetto da diversi mesi di numerose scorribande criminali. "Da tempo - si legge nel testo presentato - il territorio di Mariotto frazione del comune di Bitonto fa registrare numerosi episodi di rapine e furti con la popolazione esasperata". Gli episodi più importanti sono stati registrati sabato 26 settembre 2015, quando è stato assaltato lo sportello Bancomat della Banca Popolare Di Puglia e Basilicata, il 12 Gennaio di quest'anno con l'assalto allo sportello Postamat del locale Ufficio Postale, e da ultimo lo scorso 17 febbraio 2016 quando è stato nuovamente preso di mira lo sportello Atm della Banca Popolare di Puglia e Basilicata con i malviventi che non sono riusciti a portare via il contante.

Ai grossi colpi, si aggiungono "numerose denunce per furti in appartamento ed anche nelle campagne dove le razzie riguardano anche pali, porte di ferro, infissi, recinzioni oltre che a derrate alimentari, mezzi agricoli etc". "È evidente - per Losacco - il senso di insicurezza che si è ingenerato nelle popolazioni locali". Per questo sarebbe necessario, secondo l'onorevole, "intervenire potenziando il pattugliamento, il coordinamento delle forze di polizia nonché rafforzando i sistemi di videosorveglianza e video allarme contrastando i fenomeni criminosi".

Intanto 50 dei militari promessi da Alfano sono già a Taranto e gli altri 50 saranno a Bari nelle prossime ore. I nuovi militari dislocati in Puglia, secondo quanto riferisce Repubblica, andranno a coprire gli obiettivi sensibili, dando quindi la possibilità agli uomini delle forze dell'ordine di spostarsi sul territorio per contrastare la criminalità organizzata. E proprio sulla videosorveglianza, il capo dell'Interno ha annunciato anche la sottoscrizione di un contratto di manutenzione che consente il ripristino di 199 apparati di videosicurezza in Puglia.