Speciale Sanremo: Terza Serata

Rocco D'Ingillo
di Rocco D'Ingillo
Lo spoiler, Speciale Sanremo
12 febbraio 2016

Speciale Sanremo: Terza Serata

Come è andato l'appuntamento dedicato per tradizione alle cover?

La terza serata del Festivàl è stata interamente dedicata, come da tradizione, alle cover (o, come direbbe Carlo Conti a.k.a. Pippo Baudo, ai 'rifacimenti') di alcuni successi della musica italiana.

La competizione si è aperta con le due sfide per la sezione Giovani, in cui si è presentata una clamorosa gaffe tecnica: Miele, dichiarata vincitrice, si è poi ritrovata eliminata dopo il calcolo esatto dei voti, rendendo così vincitore Gabbani con la sua 'Amen', con parecchi minuti di ritardo.

A parte questa sbavatura, la conduzione ha mostrato anche qualche segno di miglioramento. La squadra sembra infatti più coesa e con meccanismi sempre meglio oliati, complice anche una inaspettata rivincita di Gabriel Garko. Il valletto/co-conduttore, infatti, partito anche questa volta con qualche errore tendenzialmente ridicolo (come annunciare a gran voce il Quartetto Cetra invece dei Dear Jack, che portavano una loro cover) e dopo aver portato praticamente al limite la pazienza di Carletto Conti, ha iniziato a trattare tutti i suoi errori sul piano comico, mostrando un'autoironia un po' maldestra ma a suo modo funzionale. La Raffaele meno presente del solito, questa volta nei panni di una 'ritoccatissima' Donatella Versace, riesce sempre a strappare ben più di un sorriso agli spettatori.

Ospiti meno entusiasmanti rispetto alle serate precedenti, anche se la reunion dei Pooh con Riccardo Fogli sul palco dell'Ariston è stato un momento memorabile, da cui è stato quasi impossibile non lasciarsi trascinare. A seguire, l'atleta pluripremiata Nicole Orlando, affetta da sindrome di Down, e il cantante Hozier.

I veri protagonisti della serata sono stati tuttavia i 20 concorrenti al Festival con le loro interpretazioni di brani famosi della musica italiana. Tra i migliori Clementino con "Don Raffaé" di Fabrizio De Andrè, Elio e le Storie Tese con una rivisitazione dance della Quinta di Beethoven e gli Stadio con il tributo a Lucio Dalla attraverso la sua "La sera dei miracoli", che è poi risultata essere anche la cover vincitrice della serata.

Da segnalare, inoltre, qualche altro caso interessante legato alle esibizioni della sezione Campioni:

- i brani cantati in napoletano sono stati 4
- gli Zero Assoluto hanno cantato 'Goldrake', sigla di chiusura dell'omonimo cartone animato, in una versione da Zero Assoluto (in tutti i sensi)
- Patty Pravo ha fatto una cover di un suo stesso pezzo
- Valerio Scanu si è esibito per la prima volta in pubblico al pianoforte, ma diciamo che non è stato poi così memorabile, per non dire che non se n'è accorto nessuno.

Una serata senza infamia e senza lode, che ha i pregi di aver stemperato la tensione tra i concorrenti e di aver gettato le basi per il rush finale delle due serate conclusive.