Forza Italia Giovani. Daniele D'Aucelli nuovo coordinatore cittadino

di La Redazione
Politica
16 febbraio 2016

Forza Italia Giovani. Daniele D'Aucelli nuovo coordinatore cittadino

Vice Gabriella Rizzi. E la sezione attacca l'Amministrazione: 'Non-governo in città'

Sostenere i giovani perchè da loro passa la politica del presente e del futuro. È questo il mantra ripetuto ieri al circolo locale di Forza Italia, dove è stato presentato il nuovo coordinamento della sezione giovanile.

"È davvero con grande emozione che assumo oggi questo incarico di guida e coordinamento del movimento politico bitontino di Forza Italia Giovani. All'emozione si accompagna un forte e consapevole senso di responsabilità verso la mia coscienza e poi verso tutti voi simpatizzanti e militanti" ha spiegato il nuovo coordinatore, Daniele D'Aucelli, sostenuto da Vanna Lacassia, dirigente nazionale di Forza Italia Giovani, e Lucia Diele, coordinatrice provinciale.

"I giovani rappresentano da sempre, in ogni sodalizio umano, la parte più attiva e trascinante. I giovani scendono in piazza, si ribellano alle ingiustizie, non sono mai domi perché mossi e animati dall'impulso assoluto a donare impegno e passione verso la propria comunità - spiega D'Aucelli - E lo fanno col sentimento della partecipazione, esplicato attraverso un irrinunciabile e gratuito spirito di servizio che fa di loro un propulsivo e impareggiabile motore organizzativo. Non si fa politica per carrierismo: la si fa perché si crede in un ideale". Come ha ripetuto più volte anche Lacassia, ricordando l'impegno profuso dal gruppo giovanile per l'elezione di Domenico Damascelli - presente all'incontro, dove ha sottolineato l'importanza del fatto che "i ragazzi si mettano in discussione" - in Consiglio Regionale: "Sono traguardi che segnano la politica con il termine più nobile".

Al nuovo coordinamento spetta il compito di traghettare la sezione verso il prossimo appuntamento con le Amministrative. "L'Amministrazione ha preso in giro giovani e meno giovani - dichiara Lacassia - mostriamo noi quali sono le vere possibilità di questa città". "La differenza tra noi e chi adesso è al governo in italia e in città è che quando abbiamo avuto la possibilità di essere alla guida non ci siamo mai sognati di fare affari privati - spiega il consigliere comunale Carmela Rossiello - Non abbiamo mai messo uomini e donne di nostra fiducia in posizioni strategiche. Siamo stati democratici e meritocratici".

L'affondo più pesante contro il governo cittadino arriva direttamente dal nuovo coordinatore, che sarà coadiuvato dal vice Gabriella Rizzi. "Viviamo, di fatto, le infelici sorti di un "non-governo" della città, un'urtante accozzaglia di (forse) buoni sentimenti e (sempre forse) buoni pensieri, ma mai tradottisi in fatti concretamente utili alla nostra città. Ci si trascina stancamente nel nulla, si brancola tristemente in un buio davvero paralizzante per Bitonto" attacca D'Aucelli. "Le domande dirette potrebbero essere tante ma, considerato anche il nostro aspetto anagrafico, non possiamo che interrogarci sulle questioni che prioritariamente coinvolgono noi giovani. E allora noi ci chiediamo che fine abbia fatto, ad esempio, il tanto sbandierato e fantomatico "Governo luce" che non si è mai nemmeno acceso e che, al di là di una sedicente volontà di illuminare l'azione politica cittadina puntando proprio sulla vitalità e sulla freschezza dei giovani, ha invece largamente disatteso le speranze e inesorabilmente spento ogni ambiziosa velleità di questo tipo".

"Siamo, dunque, al nulla totale sull'argomento-giovani - continua - I ragazzi coinvolti nella barzelletta del "Governo luce" sono stati per primi strumentalizzati in questo propagandistico specchietto per le allodole, abile a lusingare forse gli ingenui, ma che presso di noi non ha mai attecchito. Per primi avevamo colto le letali potenzialità ingannevoli di questa "trovata", presto finita nel miserevole e nutrito mucchio di delusioni legate alla sostanziale non-attività di questi anni di amministrazione di sinistra. Che fine ha fatto, ancora, il progetto "100 pedalate per la legalità"? Dove sono finite quelle biciclette? Quali associazioni e cittadini ne hanno beneficiato? E che ne è anche della Consulta comunale dei Giovani? Cosa si fa, insomma, per i giovani della nostra città? Quali progetti sono in cantiere per promuovere partecipazione ed iniziative in favore della nostra fascia anagrafica, che vive un momento di disorientamento, anche per le note difficoltà sociali? ".

"I ragazzi di Forza Italia di Bitonto, anche per rispondere a questa così tanto disastrosa inerzia, saranno invece più che mai attivi, - conclude - proponendo idee e iniziative per dare un contributo al mondo giovanile bitontino, purtroppo al momento addormentato e narcotizzato dall'inattività degli attuali inquilini di palazzo Gentile".
"Ci distingueremo sul territorio, inoltre, per iniziative di carattere sociale e solidale, cercando di aiutare chi ne ha necessità, con particolare attenzione alle fasce sociali più debole" è l'augurio del nuovo coordinatore.