Scuola. L'obiettivo è investire in formazione agricola

di La Redazione
Cronaca
29 gennaio 2016

Scuola. L'obiettivo è investire in formazione agricola

È l'intento dell'Amministrazione dopo i recenti accordi con l'Ateneo di Bari e la Regione

L'obiettivo è creare un'agenzia formativa che si occupi interamente di olio e produzione olivicola. Stando a quanto dichiara il sindaco Michele Abbaticchio a margine dell'approvazione in Regione del nuovo piano di dimensionamento scolastico, l'Amministrazione Comunale starebbe lavorando in questa direzione da oltre tre anni, al fine di dare slancio al settore agricolo.

Il via libera alla creazione del polo tecnico-professionale che fonderà A. Volta e il De Gemmis, sarebbe il primo passo per investire sulla formazione agricola. "È un percorso che parte dal primo anno della nostra amministrazione, nella quale abbiamo immaginato di riportare la formazione di eccellenza, quella che produce lavoro ed economia" spiega il primo cittadino.

In questo senso importanti sono le collaborazioni con l'Università di Bari e il Politecnico: i lavori per il Centro Tecnologico in Zona Artigianale proseguono - "il Politecnico della ricerca e della innovazione (anche) degli impianti di produzione, confezionamento e distribuzione dell'olio nel nuovo centro tecnologico della zona artigianale" - mentre per il primo semestre di questo anno è previsto lo short master sull'elaiotecnica. "Bitonto, Università, Politecnico e Istituto Marconi oggi sono in rete grazie al Comune che apre le nuove competenze al mondo agricolo,al servizio del nostro olio tipico".

Bisogna, per Abbaticchio, "riportare al centro dell'attenzione dei mercati nazionali ed internazionali le nostre stesse radici culturali attraverso la vendita di un prodotto tipico bitontino salvaguardato nella sua qualità e nella durata di conservazione, producendo nuova economia e, quindi, lavoro per tanti".

Qulla sull'olio, tuttavia, farebbe parte di una visione più ampia di città, "a misura di giovani e bambini": "per fare questo occorrono opportunità e scuole ristrutturate,ricche di progetti e servizi.ecco percheè abbiamo investito e intercettato fondi nazionali soprattutto per la pubblica istruzione ed i propri contenitori".