Ripulito il fossato del Torrione dai liquami

di La Redazione
Cronaca
11 gennaio 2016

Ripulito il fossato del Torrione dai liquami

L'AQP è intervenuta con delle sonde. E a San Gaetano i lavori si spostano all'interno per tutelare gli affreschi di Carlo Rosa

Mentre l'Acquedotto Pugliese interviene per fermare la fuoriuscita di liquami nel fossato del Torrione, pare che la Soprintendenza interverrà per mettere in sicurezza gli affreschi di Carlo Rosa nella Chiesa di San Gaetano.

Il primo intervento, richiesto dall'Amministrazione Comunale dopo le fuoriuscite di liquidi dal sistema fognario nel fossato del Castello, segnalate dai cittadini, è stato terminato nelle scorse ore. È il sindaco Michele Abbaticchio a confermarlo: "Ieri sera abbiamo contattato AQP, sono intervenuti stamattina per rilevare e fermare le perdite di liquami fognari che hanno colpito il fossato del Torrione Angioino" scriveva nella giornata di sabato. Per ripulire il fossato i tecnici dell'Acquedotto hanno utilizzato delle sonde, onde evitare pesanti conseguenze alla pavimentazione in chianche della piazza, "L'intervento ha avuto successo grazie all'utilizzo di sofisticate sonde che hanno evitato interventi deleteri per le nostre amate chianche".

Ieri sera abbiamo contattato Aqp, sono intervenuti stamattina per rilevare e fermare le perdite di liquami fognari che...

Posted by Michele Abbaticchio on Sabato 9 gennaio 2016

 

Nel frattempo pare che la Soprintendenza, che sta curando i lavori in corso alla Chiesa di San Gaetano, in piazza Cavour, abbia deciso di concentrarsi sugli interni della struttura, dopo aver ripulito parte delle facciate. Il motivo? Mettere in sicurezza gli affreschi del pittore Carlo Rosa dal rischio di infiltrazioni di umidità e agenti atmosferici. In particolare il soffitto ligneo, dipinto dall'artista del '600, dove sono illustrate alcune scene della vita di san Nicola di Bari, san Gaetano e sant'Andrea Avellino.