Mare d'inverno. La campagna di Fare Verde per ripulire le spiagge

di La Redazione
Cronaca
30 gennaio 2016

Mare d'inverno. La campagna di Fare Verde per ripulire le spiagge

Due gli appuntamenti previsti. Saranno censiti i rifiuti raccolti

Mare d'inverno è il nome dell'evento che l'associazione Fare Verde promuove in tutta Italia dal 1992, per mantenere pulite le spiagge anche quando non servono ai bagnanti. L'obiettivo della manifestazione è ricordare a tutti che l'inquinamento dei litorali e riportare al centro dell'attenzione la necessità di ridurre i rifiuti e riciclarli più possibile. "La nostra è una visione non utilitaristica della natura – dichiara Giuseppe Cazzolla, responsabile nazionale dell'iniziativa – che mettiamo in atto con una manifestazione fuori dagli schemi, andando a pulire le spiagge italiane in pieno inverno".

Fare Verde intende richiamare l'attenzione sulla necessità di ridurre i rifiuti e riciclarli il più possibile. Le discariche devono essere considerate per quello che sono: l'ultima soluzione possibile per i rifiuti che non si riescono a eliminare o riciclare. "Nuovi inceneritori, come quelli proposti dal governo Renzi, in un ciclo virtuoso dei rifiuti, sarebbero inutili. Occorre migliorare la raccolta differenziata, ma soprattutto ridurre gli imballaggi usa e getta, introducendo il vuoto a rendere!", afferma Francesco Greco, presidente nazionale di Fare Verde.

La miopia di autorizzare trivellazioni petrolifere potenzialmente mette a rischio la vera ricchezza della Puglia, il turismo, ma forse al governo il benessere dei pugliesi non interessa, e preferisce incassare pochi spiccioli dalle multinazionali petrolifere, osserva Fare Verde. Motivo per il quale quest'anno l'associazione ambientalista ha deciso di non richiedere il patrocinio del Ministero dell'Ambiente per Il mare d'inverno. Mentre è stato ottenuto il Patrocinio della Commissione Europea.

I volontari di Fare Verde, insieme ad operatori del Laboratorio di analisi ambientali del dottor Giorgio Angelico di Bari, hanno provveduto a prelevare campioni di acqua marina nelle acque di fronte alla città di Bari, a scopo di analisi. Il prelievo è stato effettuato presso il molo sant'Antonio, il molo borbonico e il lungomare IX Maggio. Intanto sono due gli appuntamenti in programma per quest'anno: domani dalle 10 alle 12.30 sul lungomare IX Maggio del quartiere San Girolamo di Bari (all'altezza del civico 8) e venerdì 5 febbraio dalle 9 alle 11 sul lungomare Esercito Italiano di Giovinazzo (località La Cappella). Alla manifestazione aderiranno i gruppi di Fare Verde di Bari e Bitonto, l'associazione IX Maggio e i Sass (Servizi Ausiliari Sicurezza Stradale).

Per partecipare alla manifestazione si può contattare Fare Verde Bitonto su facebook, tramite e-mail all'indirizzo fareverdebitonto@gmail.com oppure visitando il sito www.fareverde.it. I partecipanti saranno dotati di tutto il materiale necessario per lo svolgimento della pulizia della spiaggia (guanti, sacchi e attrezzi) e di ulteriori informazioni tecniche per effettuare correttamente la raccolta differenziata dei rifiuti.

I volontari di Fare Verde che puliranno la spiaggia, coglieranno l'occasione per fare anche un censimento dei rifiuti raccolti. Una specie di "hit parade" dei rifiuti dove saranno elencati i tipi e le quantità di rifiuti raccolti. Questo per dimostrare che sulle spiagge ormai si trova di tutto ed è dovere dei cittadini e delle pubbliche amministrazioni cooperare per tenerle pulite e per preservarle. I dati verranno utilizzati per sensibilizzare il Parlamento italiano sulla necessità di attuare una politica per la riduzione a monte dei rifiuti.