Aro. Incantalupo: 'Lavoriamo a marce forzate'

di La Redazione
Politica, Cronaca
04 dicembre 2015

Aro. Incantalupo: 'Lavoriamo a marce forzate'

L'assessore interviene sulla vicende relative all'Ambito e alla Sanb

"Stiamo lavorando per chiudere tutte le procedure entro l'anno". Lo assicura Domenico Incantalupo, delegato comunale all'Ambiente, intervenuto ai taccuini di BitontoTV sulla vicenda Aro.

I ritardi nella costituzione del Consiglio di Amministrazione della Sanb, la società per azioni a capitale interamente pubblico che prenderà il posto delle vecchie municipalizzate, al momento guidata dai funzionari dei vari Comuni, diretti da Bianca De Zio del Comune di Ruvo, stanno sollevando non poche polemiche. "Ci eravamo fissati come termine ultimo per l'affidamento dei servizi alla Sanb il 1 dicembre, ma non ce l'abbiamo fatto - conferma l'Assessore - ma tengo a precisare che l'iter si è allungato a causa di alcune pratiche tecnico-burocratiche". Tra cui quelle relative al subaffitto di un ramo d'azienda che l'ASIPU di Corato dovrebbe concedere alla Sanb.

"Gli uffici stanno lavorando davvero bene" continua Incantalupo. Proprio ieri si è tenuta un'assemblea della Sanb, aggiornatasi al prossimo giovedì. L'obiettivo è risolvere le questioni amministrative relative all'affido e, contemporaneamente, lavorare al bando per individuare i componenti del CDA della società. "L'Aro al momento non ha dipendenze, molti dimenticano che a lavorare sulla questione sono funzionari e dirigenti comunali, assieme agli amministratori - ricorda l'Assessore - comunque si procede a marce forzate".

Secondo alcune indiscrezioni la bozza del bando per il Consiglio - predisposta in parte già in estate dal Comune di Bitonto - è al vaglio della segreteria di Terlizzi (comune capofila, ndr). I tempi però stringono e bisogna fare in fretta, cercando di non chiudere tutto il 31 Dicembre, come successo lo scorso anno per la costituzione della stessa Sanb. L'Aro che coinvolge Bitonto, Terlizzi, Molfetta, Corato e Ruvo, comunque, rischia di essere tra le pochissime non commissariate in tutta la Puglia.

Intanto Incantalupo anticipa come verranno spesi gli oltre 800.000 euro di premialità arrivati all'Aro Bari 1 dalla Regione Puglia. "Verranno acquistati automezzi specifici per implementare la raccolta differenziata, che serviranno tutto l'Ambito dell'Aro".