'Regalasi cittadinanza'. Il volantino di FN contro lo ius soli affisso alla Pescara

di La Redazione
Politica, Cronaca
26 ottobre 2015

'Regalasi cittadinanza'. Il volantino di FN contro lo ius soli affisso alla Pescara

Mistero sull'autore del gesto. In tutta Italia il gruppo di destra attacca i dem

"Regalasi cittadinanza italiana". Anche a Bitonto gli iscritti del Partito Democratico hanno trovato il volantino di Forza Nuova contro la nuova legge sulla cittadinanza approvata dalla Camera.

Lo stampato, che riproduce il classico avviso "Vendesi" con l'aggiunta del logo di FN, è stato affisso all'ingresso della Pescara, in Corso Vittorio Emanuele probabilmente nella notte tra venerdì e sabato. Rimosso quando un iscritto ha aperto la sede.

"Questa mattina, aprendo la sede del circolo PD di Bitonto, alias la Pescara, abbiamo trovato questo cartello attaccato all'ingresso - hanno scritto i dem su Facebook - scopriamo che anche a Bitonto esiste Forza (N)uova, che la schiera degli anti-PD nel nostro piccolo paese dopo alcuni movimenti trova spazio anche per Forza (N)uova. Che in Parlamento si approva una legge degna di un paese civile (ma questo non lo scopriamo)".

 

Questa mattina, aprendo la sede del circolo PD di Bitonto, alias la Pescara, abbiamo trovato questo cartello attaccato...

Posted by Partito Democratico Bitonto on Domenica 25 ottobre 2015

 

Al momento è mistero sull'autore del gesto - il PD non sporgerà denuncia e il segretario Biagio Vaccaro non intende dar peso all'accaduto - ma è probabile si tratti di un'azione di un collettivo FN barese e non bitontino: al momento, infatti, non si registra sul territorio la presenza di un gruppo organizzato.

Il PD di Bitonto è solo l'ultima delle sezioni italiane dei Democratici "vittime" dell'azione di Forza Nuova. I cartelli sono stati affissi in tutta Italia durante l'ultima settimana. Assieme ad altri raffiguranti Khalid Chaouki, il deputato PD di origini nordafricane, che inneggiavano alla cittadinanza di sangue e all'italianità "persa" a causa della norma approvata a Roma.