Tutti pazzi per il Flash Mob

Elita Farella
di Elita Farella
Cultura e Spettacoli, Video
05 ottobre 2015

Tutti pazzi per il Flash Mob

Happy, iniziative di sensibilizzazione. Persino matrimoni. Quando l'azione-lampo è d'impatto

Il termine flash mob, coniato a partire dal 2003, viene usato per indicare un gruppo di persone che mette in scena una performance e si dissolve nell'arco di pochissimo tempo. La finalità di questa "rapida folla" è quella di intrattenere un pubblico totalmente all' oscuro che rimane piacevolmente sorpreso alla vista di questi eventi improvvisi.

La nostra città non è nuova a fenomeni di questo tipo - che nascono a partire dalle rete -, e soprattutto negli ultimi anni si tiene al passo coi tempi. Tutti ricorderanno infatti il video "We are happy from Bitonto" girato nel marzo dello scorso anno redazione di BitontoTV, che coinvolse centinaia di cittadini in un balletto improvvisato sulle note della simpatica canzone di Pharrell Williams. Merita di essere menzionata anche l'iniziativa dell'associazione "Io sono Mia" che, sempre nel 2014, nel giorno di San Valentino organizzò un Flash Mob per sensibilizzare la popolazione sul tema della violenza sulle donne.

 

We are happy from Bitonto

 

Non mancano tuttavia momenti in cui questi spettacoli hanno finalità dilettevoli e di puro intrattenimento. E' il caso di una giovane coppia convolata a nozze lo scorso 18 settembre, la quale al temine della celebrazione del rito del matrimonio si è concessa con amici e familiari un momento di puro divertimento ballando in sincronia sulle note di "Uptown Funk", celebre canzone dell'artista Bruno Mars. L'idea è stata loro proposta dai fotografi dell'"Image Center Production"; quando hanno scoperto che lo sposo era un ballerino e che i suoi genitori possedevano una scuola di ballo. I due sposi hanno affermato che "oltre a voler ottenere un forte impatto positivo nei confronti degli invitati, il nostro obiettivo era quello di scaricare la tensione dopo una celebrazione solenne e come spesso accade, boriosa".

Del resto il fenomeno flash mob non si ferma solo a matrimoni e alle proposte, ma diventa un mood anche per feste e diciottesimi compleanni; facendo un giro su YouTube se ne vedono delle belle. A confermarne la rapida diffusione è il fotografo Rocco Solimine che rivela: "Il problema vero nasce quando le richieste partono dalle mamme, alcune tra loro ci richiedono il famoso "pre-diciottesimo" con idee strambe e stravaganti".
Ma infondo non importa, è legittimo desiderare di sentirsi al centro del mondo almeno per un solo giorno nella vita e se si riesce a rendere felici tutti e a lasciare un sorriso sulle loro labbra, possiamo ritenerci appagati.