Suoni e colori del Mediterraneo per il Talos Festival

di La Redazione
Cultura e Spettacoli, Video
13 ottobre 2015
Photo Credits: Lisa Fioriello

Si è conclusa domenica la celebre manifestazione diretta da Pino Minafra

Si è conclusa domenica l’edizione 2015 del Talos Festival, la rassegna dedicata al mondo del jazz, delle bande e delle sonorità mediterranee, nata da un’idea del trombettista ruvese Pino Minafra.

Diviso in un'anteprima e una parte dedicata agli artisti internazionali, per dodici giorni il Talos ha trasformato Ruvo di Puglia in un punto di ritrovo per tutti gli amanti del jazz e della musica del Sud pugliesi: mostre, conferenze, seminari hanno arricchito l’ampio cartellone artistico.

Tra gli ospiti di rilievo il contrabbassista Barry Guy, il pianista Franco D’Andrea e la Fanfara di Tirana, che hanno confermato l’attenzione di Minafra alle sonorità dei balcani.

Durante la serata di sabato spazio anche all’ultimo progetto del musicista ruvese, con il concerto della Minafrìc Orchestra, accompagnata dalle Faraualla. Nata come naturale prosecuzione del progetto Sud Ensemble di Pino Minafra, l’obiettivo della formazione è quella di dare voce e suono alle musiche del nostro tempo, volgendo lo sguardo su tutto l'orizzonte geografico, musicale e culturale del Sud. Un progetto intenso e articolato, che unisce con la musica le complesse diversità che circondano la Puglia, naturale ponte verso l'Oriente, il Mediterraneo, l'Africa, i Balcani e oggi verso la Nuova Europa.

IMG_0209.jpg
IMG_0024.jpg
IMG_0082.jpg
IMG_0065.jpg
IMG_0146.jpg
IMG_0195.jpg
IMG_0017.jpg
IMG_0072.jpg
IMG_0016.jpg
IMG_0047.jpg